***


Ås, Gennaio-Febbraio 2015

C’è un amore di cui non parliamo
Fatto di grida silenziose
E respiri sulle labbra dell’altro
E mani che si perdono
A contare le curve della schiena,
Quando profumi di paura e vergogna
E non sai più dire niente.
Se c’è un quarto soltanto di luna
Mi sembra di vederti,
Raggomitolata nella notte
Come una gatta che dorme,
Che lasci andare con lentezza
I respiri e i desideri
Mentre le dita ti cercano
E ti scoprono le spalle e il seno.
Non credo d’averti mai compresa.
D’ogni tuo capello,
Io non so che sentirne il profumo,
E null’altro.
Sei come la primavera che sta per arrivare,
Come le rondini.
Ogni tanto (se fuori c’è il sole)
Ti posso guardare più a lungo.
Sei fatta anche tu di acqua di mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:D :) ^_^ :( :o 8O :shock: 8) ;-( :lol: xD :wink: :evil: :p :whistle: :woot: :sleep: =] :sick: :straight: :ninja: :love: :kiss: :angel: :bandit: :alien: